Archivio mensile:febbraio 2015

Gli studenti riformano il Catasto con l’Osservatorio del mercato immobiliare

“La riforma parte dal basso”: questo è lo spirito che ha animato una serie di iniziative di riforma del catasto. I progetti sono partiti da Siracusa, dove il Comune ha scelto di creare un’opportunità di lavoro per i ragazzi che ora studiano per diventare geometri.

 

Se il decreto ministeriale ha richiesto la verifica e l’aggiornamento dei dati catastali per quasi 72 milioni di immobili di diverso tipo, ogni Comune si organizza a modo suo per dare una revisione totale al Catasto. Il decreto aveva già provveduto a dare una prima soluzione indicando il coinvolgimento delle scuole e il Comune di Siracusa ha provveduto immediatamente.

 

I ragazzi che aderiranno al progetto riceveranno crediti formativi riconosciuti e potranno utilizzare questa esperienza a fini curriculum. Per poter aggiornare i dati di migliaia di immobili, gli studenti potranno usare le direttive dell’Osservatorio del Mercato Immobiliare (OMI) per le quotazioni immobiliari.

 

Diversi i fattori da tenere in conto per una valutazione scientifica dei diversi immobili che insistono sul territorio siracusano:

 

  • Il valore per metro quadro degli appartamenti;
  • La classe di appartenenza degli immobili;
  • Eventuali fattori che possono incidere sulla rendita (posizione dell’appartamento, estensione, ecc.).

 

L’OMI è stato ritenuto utile non solo per le disposizioni in materia, ma anche per le ricerche periodiche che effettua sull’andamento del mercato immobiliare italiano.

 

In questo lavoro, i ragazzi saranno aiutati non solo dal modello dell’Osservatorio del mercato immobiliare, ma anche dall’Agenzia del Territorio (Agenzia delle Entrate), che verificherà i dati riportati e provvederà ad aggiornare il Catasto.  L’iniziativa consentirà, al termine del percorso formativo, non soltanto di acquisire competenze preziose per il mercato del lavoro, ma anche di imparare divertendosi materie come la topografia, difficile da insegnare con i metodi tradizionali.

 

L’iniziativa, che prevede l’uso delle quotazioni immobiliari OMI e delle nuove direttive del decreto del Governo Renzi, sarà riservata agli studenti del quarto e del quinto anno per geometri. Gli istituti tecnici sono un primo passo importante per creare un ponte tra scuola e lavoro: la Riforma del Catasto parte dal basso e dimostra ancora una volta quanto dare fiducia ai ragazzi porti a minori costi per la Pubblica Amministrazione e un passo in avanti per chi oggi vuole superare la recessione economica con creatività.