Archivio dell'autore: admin

Le mappe catastali nel progetto “Scuole innovative”

Il progetto “Scuole innovative”

Dal 23 maggio 2016 è online, sulla piattaforma Concorrimi “prestata” dall’Ordine degli Architetti della Provincia di Milano, il progetto “Scuole innovative” volto alla condivisione d’idee per costruire cinquantadue scuole innovative sotto l’aspetto architettonico, d’impianti, tecnologico, dell’efficienza energetica, che siano sicure strutturalmente, dotate di nuove aree per l’apprendimento e aperte al territorio.

 

Tempi

Le proposte dei progetti per le scuole individuate dal Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca devono essere inviate entro il 30 agosto e fino al 29 luglio è possibile chiedere al Ministero informazioni e chiarimenti, cui si riceverà risposta entro la fine del 5 agosto.

 

Mappe catastali e altri documenti

Sul sito di Scuoleinnovative si può scaricare la mappa dei luoghi in cui saranno costruite le nuove scuole. Per ciascuna delle cinquantadue aree c’è una scheda descrittiva dell’istituto e si può fare il download dei documenti forniti dagli enti locali proprietari e di quelli sull’offerta formativa degli istituti.

La mappa è interattiva, per cui, cliccandovi sopra, si hanno informazioni più dettagliate utilizzabili dal progettista:

  • Nome e tipo della scuola
  • Superficie
  • Scheda sintetica del progetto
  • Documento preliminare per la progettazione
  • Ortofoto
  • Estratti planimetrici
  • Mappe catastali
  • Norme tecniche di realizzazione del Piano Urbanistico, Regolamento edilizio del Comune coinvolto
  • Costo dei lavori

 

Premi

Il progetto è attivo a livello internazionale e i premi previsti per ogni scuola sono di 5, 10 e 25mila euro. Il Ministero potrà fornire agli enti locali che le richiedano le idee premiate, per permettere un’eventuale assegnazione dei livelli di progettazione successivi.

 

Partecipanti

Possono partecipare architetti, ingegneri e società d’ingegneria e professionali, singolarmente o in gruppi multi-disciplinari. Tutti devono avere la cittadinanza italiana o di altri Paesi dell’Unione Europea, essere iscritti ai rispettivi ordini professionali ed essere abilitati (per legge, contratto e provvedimento professionale) a esercitare la propria attività al momento della presentazione della domanda.

Intelligenza artificiale: analisi di mercato

L’intelligenza artificiale è una disciplina scientifica che studia la possibilità di realizzare macchine e programmi informatici in grado di risolvere i problemi con ragionamenti simili a quelli umani.

 

Abbiamo già parlato dell’intelligenza artificiale, di quale sia la sua storia e i suoi principali settori di sviluppo. Oggi vedremo, invece, quali sono le categorie che principalmente compongono il settore, caratterizzandosi come punti di interesse focale per le aziende che vogliono specializzarsi nell’uso dell’Intelligenza Artificiale.

 

Deep Learning: dietro il nome di deep learning si nascondono una serie di tecniche e tecnologie informatiche afferenti alla branca dell’intelligenza artificiale e dell’apprendimento automatico (machine learning). Questi algoritmi, strutturati in diversi livelli di astrazione, hanno lo scopo di permettere al sistema informatico di comprendere come funziona il cervello umano e come quest’ultimo analizzi e interpreti, ad esempio, il linguaggio umano o le immagini che gli arrivano dal nervo ottico. Esempi di aziende che operano in questo settore sono: SenseNetwrks; Siftscience; Voltari.

Computer Vision/Image Recognition: la vista è forse uno dei sensi più importanti che l’uomo possieda. Essa permette di percepire il mondo tridimensionale, di riconoscere e localizzare gli oggetti presenti in una scena, di notare i rapidi cambiamenti dell’ambiente, ecc.
La Computer Vision è la disciplina che studia come abilitare i computer alla comprensione e alla interpretazione delle informazioni visuali presenti in immagini o video. Se volessimo dare una definizione, potremmo dire che la Visione Computazionale (VC) o Computer Vision, si occupa della analisi di immagini numeriche tramite un calcolatore. Esempi di aziende che operano in questo settore sono: Cortica, CognitiveNetworks, Clarifai

Machine Learning (General): l’apprendimento Automatico si occupa dei meccanismi attraverso i quali un agente “intelligente” migliora nel tempo le sue prestazioni P nell’effettuare un compito C. La prova del successo dell’apprendimento è quindi nella capacità di misurare l’incremento ∆P delle prestazioni sulla base delle esperienze E che l’agente è in grado di raccogliere durante il suo ciclo di vita. La natura dell’apprendimento è quindi tutta nella caratterizzazione delle nozioni qui primitive di compito, prestazione ed esperienza. Esempi di aziende che operano in questo settore sono: BigML, Predictry, Sentient

Natural Language Processing: l’elaborazione del Linguaggio Naturale è un settore fortemente interdisciplinare, e si occupa dell’elaborazione delle lingue, in ogni possibile aspetto, mediante l’uso di calcolatori. Dalla sua nascita alla fine degli anni ’50, e dalla sua configurazione come disciplina autonoma, ha subito una crescita esponenziale in diverse direzioni arrivando ad attingere contributi da ambiti quali la linguistica, che produce i modelli teorici del linguaggio, la psicologia, che fornisce un’analisi dei processi cognitivi, la teoria dell’informazione, che analizza le modalità comunicative, la matematica e la statistica, che forniscono gli strumenti per esprimere tali modelli in modo computazionalmente trattabile e naturalmente l’informatica per quanto riguarda lo sviluppo degli algoritmi atti ad implementare i modelli teorici dei fenomeni linguistici. Esempi di aziende che operano in questo settore sono: Inbenta, Cortical, Awhy

Virtual Personal Assistants : gli assistenti personali virtuali hanno diversi acronimi (IPA  intelligent personal assistant, PDA  personal digital assistant) sono agenti software che utilizzano l’intelligenza artificiale per svolgere compiti e servizi per conto di un individuo in diversi campi applicativi: Administrative, Computer, medical, legal, web development, Consumer Services, ecc. Esempi di aziende che operano nel settore sono: Siri, sherpa, MetWhat, Awhy

Il grafico sintetizza il numero di aziende presenti per ogni categoria indicata nel precedente paragrafo. Come si può vedere, la categoria Deep Learning sta crescendo di più per un totale di 200 aziende, seguito dal Natural Language Processing, con 130 aziende: è questo lo scenario in cui si inserisce Awhy.
Nel lungo periodo Awhy sarà in grado creare un elevato vantaggio competitivo grazie alla combinazione di VPA, ML, NLP.

Anticipazioni Uomini e Donne: l’addio di Rossella Intellicato

Eufficiale: Rossella Intellicato ha ufficialmente lasciato questa edizione di Uomini e Donne.

La bella torinese, dopo lennesima lite con lopinionista Tina Cipollari, durante la quale le due sarebbero venute alle mani, ha deciso di abbandonare per sempre Uomini e Donne e non tornare più in studio.

A raccontarlo è Maria De Filippi che durante lultima registrazione fa entrare tutti i corteggiatori di Rossella per comunicargli la notizia. Dopo la lite furiosa tra Tina Cipollari e Rossella Intellicato, la tronista ha deciso di abbandonare gli studi di Uomini e Donne, sarebbe tornata solo ed esclusivamente qualora lopinionista fosse mandata via dal programma.

A spiegare lultimatum è la tronista stessa sui suoi social, non ne poteva più di quella situazione, era lì per cercare lamore e non gli insulti di Tina.

Questultima, non certamente dispiaciuta dellabbandono della sua antagonista, ha ammesso che non lascerà mai lo studio e che se Rossella lha fatto evidentemente non era così forte.

A rimanerci male invece sono i corteggiatori. Tra questi Livio e Fabio, forse i suoi preferiti, hanno deciso dopo la scorsa puntata di andarla a trovare a Torino, forse anche per convincerla a tornare in studio, ma a nulla è servito lincontro. Lesterne non sono neanche mandate in onda. La padrona di casa Maria De Fipilippi ammette che questa è la volontà di Rossella, ma non vuole dare ulteriori spiegazioni e chiude il discorso Rossella salutando tutti i suoi corteggiatori, tranne Fabio che rimarrà per Ludovica.

Per la prima volta quindi, una tronista lascia la trasmissione a causa delle liti con un opinionista, discussioni che si sono trasformate in una rissa con Tina Cipollari. Forse questo è stato davvero troppo per Rossella Intellicato che ha deciso di lasciare lo studio per non tornare mai più.

Fonte: anticipazioni.org/uomini-e-donne

Cultura e spettacoli: ecco come è andata in Italia il 2015

Gli italiani amano la vita. E lo dimostrano facendo crescere la spesa destinata all’intrattenimento di tutta la famiglia. Se è vero che i tragici fatti parigini danno più di un pensiero, è vero anche che il desiderio di rivincita è più forte della paura. Non solo di cinema si parla, però. Anche teatri e concerti hanno conosciuto, nell’anno 2015 appena lasciato alla spalle, un incremento interessante.
In generale il business nel settore dell’intrattenimento , dai recenti dati diramati dalla SIAE, cresce di un 10-11% rispetto allo stesso periodo del 2014. Si tenga presente che queste informazioni sono state rese note prima del periodo natalizio che vedeva in programma parecchi spettacoli da cui ci si attendevano incassi record.
Non dimentichiamo, infatti che qualche giorno prima di Natale è uscito nelle sale cinematografiche il settimo episodio di Star Wars, space opera che il prossimo anno compirà ben 40 anni! Da non perdere anche un altro film con un attore tutto italiano, che lo scorso anno è stato campione di incassi: Checco Zalone, a fine 2015 nelle sale con “Quo vado?”, commedia esilarante con gag irresistibili.
Come dicevamo sopra, non solo di cinema si fa il settore dello spettacolo. La crescita, infatti, si nutre anche di mostre, teatro e musica.
Per quanto riguarda il teatro, sicuramente il genere dei musical fa il tutto esaurito e piace soprattutto se coinvolge tutta la famiglia come è il caso dei recentissimi Billy Elliot e Rapunzel. Per quanto concerne la musica, è il raffinato jazz a farla da padrone con un incremento delle entrate del 16% rispetto allo stesso periodo del 2014. Perché proprio questo tipo di musica? In effetti, il jazz è sempre stato considerato elitario, ma al giorno d’oggi, la tecnologia ha permesso a tutti di conoscere ed apprezzare vari generi musicali, e il jazz è tornato alla sua origine di musica nata nelle strade, frutto dell’immaginazione ed improvvisazione di grandi interpreti che, più o meno tutti, abbiamo avuto occasione di ascoltare come gingle in uno spot pubblicitario o come colonna sonora del nostro film preferito.
Anche le mostre e l’arte generano grande interesse e vedono crescere il business di più del 20% rispetto allo stesso periodo del 2014. Da Gauguin a Hayez passando per Barbie e cadendo nelle foto iconiche di Steve McCurry o negli altrettanto famosi fumetti dei Peanuts, c’è davvero solo l’imbarazzo della scelta. Il vantaggio dell’acquisto online, poi, aumenta le opportunità e riduce l’attesa. Cosa sperare di più?
Rimane esclusa dai numeri citati sopra Expo che, sicuramente, avrà contribuito a creare interesse intorno ai luoghi della bella Italia rendendola ancora più attraente.
Non male, direi, considerando che gli italiani hanno speso nel primo semestre dello scorso anno circa 1.083.441.255,28, con un incremento complessivo del 5,67% rispetto allo stesso periodo del 2014!

Ricordiamo ai nostri lettori di fruire di musica e film dalle piattaforme che garantiscono i diritti d’autore ai legittimi detentori per far sì che vengano riconosciuti loro, attraverso l’iscrizione alla SIAE, la giusta remunerazione per le proprie attività artistiche.