Archivio della categoria: News

Le migliori stampe fotografiche e i fotolibri più innovativi con Cewe

Tutti noi possediamo una macchina fotografica digitale di ultima generazione. Si tratta di uno strumento altamente tecnologico e davvero molto innovativo che permettono a tutti di dare vita a delle immagini di alto livello, che sfiorano la professionalità. Avere a disposizione uno strumento di questa tipologia è, ammettiamolo, davvero meraviglioso in quanto abbiamo così la possibilità di fermare per sempre tutti i nostri ricordi più belli. Il problema delle macchine fotografiche digitali però è che ci dimentichiamo di stampare i nostri amati scatti. I nostri ricordi più belli se ne stanno così chiusi nella memoria della macchina fotografica o in quella del computer e così non abbiamo mai la possibilità di riviverli. Dovremmo imparare invece a stamparle queste fotografie, certo non tutte, ma almeno una piccola selezione sì. Solo in questo modo infatti abbiamo la possibilità di avere sempre sottomano i nostri più importanti ricordi, da vedere e rivedere, da chiudere in un album fotografico come fossero dei tesori preziosi, da mettere in cornice e da mostrare con orgoglio a tutti coloro che solcano la soglia della nostra abitazione.

Affinché tutto questo sia possibile è necessario però avere a disposizione un sito internet che ci permetta di ordinare le nostre stampe o creare album fotografici e di riceverli poi direttamente a casa. Nessuno di noi infatti ha tempo di andare da un fotografo per ordinare le stampe e di ritornarci poi per ritirarle visti i mille impegni che abbiamo ogni giorno.

Tra i siti più interessanti ricordiamo quello di Cewe, azienda questa altamente professionale con una grande e lunga esperienza alle spalle. Cewe ci permette di stampare i nostri ricordi, di renderli eterni e di permetterci di viverli e riviverli ogni volta che lo desideriamo. L’alta qualità di stampa offerta, possibile anche grazie ai materiali d’eccezione come la carta fotografica e gli inchiostri di prima scelta, fa sì che i nostri ricordi siano brillanti, capaci di emozionare. Cewe garantisce immagini capaci di durare a lungo nel tempo, per fotografie che non perdono mai quindi questa loro brillantezza e questa loro eccezionale vivacità.

Cewe non offre di certo solo stampe fotografiche di stampo tradizionale. Permette infatti anche di dare vita a poster o a stampe su tela, a cornici, oggettistica per la casa, cuscini e soprammobili, una vasta gamma di opzioni questa che fa diventare i nostri ricordi più belli parte integrante dell’arredamento. Arredi di questa tipologia possono essere scovati anche su tutte le più importanti riviste di design, una vera e propria tendenza quindi che non possiamo assolutamente non prendere in considerazione se desideriamo creare ambienti ricercati, interessanti e personalizzati, proprio quello che ci vuole per abitazioni che faranno invidia a tutti.

Con Cewe insomma le stampe fotografiche non devono necessariamente essere chiuse in album, possono invadere le nostre case offrendoci la possibilità di emozionarci ad ogni passo! Che cosa potremmo chiedere di più?

Annunci di lavoro in Europa : come trovarli

Sono molti gli italiani che cercano un lavoro all’estero, soprattutto nelle principali capitali europee. Per ricercare informazioni sulle opportunità di lavoro, i corsi di formazione e i paesi con normative e tipologie di contratto che incentivano l’ingresso di lavoratori da altri paesi, la rete rappresenta un ottimo strumento per consultare annunci di lavoro da tutta Europa.

Tra le risorse online meglio fornite segnaliamo Workin.eu, il portale dove si possono consultare annunci di lavoro in Europa provenienti da tutti i paesi. Una piattaforma semplice e dinamica, con una grafica che consente di trovare subito le offerte di lavoro più interessante, Workin.eu presenta le offerte di lavoro in ben 27 paesi europei. E’ possibile consultare il portale oppure registrarsi gratuitamente al sito e scoprire tutte le offerte di lavoro in tutta Europa, per categoria. Tra i paesi che sono maggiormente richiesti, Il Regno Unito, la Germania e i paesi del Nord Europa, dai Paesi Bassi, alla Danimarca, alla Finlandia. Per ogni nazione si possono consultare immediatamente tutte le offerte di lavoro, ulteriormente suddivise per le zone di ogni paese.

Su Workin.eu ogni offerta di lavoro viene presentata con una scheda dettagliata, con il riferimento dei dati dell’inserzionista, l’indicazione del tipo di contratto, i contatti telefonici e l’indirizzo e-mail e i riferimenti web per inviare il proprio curriculum e candidarsi alla selezione per il lavoro offerto. Sempre più italiani ricercano opportunità di lavoro all’estero, un fenomeno che negli ultimi anni è cresciuto notevolmente e che oltre a rappresentare un opportunità di impiego per chi non riesce a trovare occupazione in Italia, rappresenta un esperienza per vivere da vicino diverse culture, viaggiare e conoscere l’Europa. 

Scuola, il via alle assunzioni

Uno dei problemi con il quali la scuola in questi anni si è sempre scontrata è quello delle graduatorie, un sistema perverso che ha messo in atto un meccanismo di precariato storico, liste infinite di persone che si sono iscritte per poter fare gli insegnanti.
Da nord a sud del paese, le persone hanno alimentato nel corso degli anni queste graduatorie, alimentando con il loro lavoro le esigenze di una scuola sempre più caotica e confusa , mentre i precari a tutti gli effetti, tappavano le falle di un sistema che fa acqua da tutte le parti, una scuola non adeguata ai tempi di oggi.
Il precariato è diventato nel corso degli anni un problema sempre più sentito, una situazione di emergenza continua dove le persone, con anni di esperienza e requisiti, erano costretti a una condizione di precariato continuo, senza poter per questo ambire a un posto fisso.
Supplenti Ata e insegnanti, coinvolti nella stessa situazione, poi il precariato si è trasformato in un qualcosa di diverso, una vera e propria emergenza sociale che ha di fatto reso la scuola un mondo molto difficile e poco propenso a stabilizzare tutte quelle persone che da molto tempo erano in corsa per un posto fisso.
Per porre rimedio a una situazione che nel corso del tempo si è cronicizzata, si è deciso di assumere finalmente una buona quantità di queste persone che nel corso del tempo hanno ingrossato le liste, il Consiglio di Ministri ha autorizzato il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini ad assumere un tot di personale a tempo indeterminato.
Parliamo di un totale tra insegnanti di ruolo, di sostegno e Ata, all’incirca di 30.000 persone, una goccia nel mare, sicuramente un primo passo per cercare di stabilizzare una quantità di persone che con i loro sacrifici si sono guadagnati un posto di lavoro, una buona notizia.

Edilizia scolastica, Renzi rilancia

Via libera al piano di edilizia scolastica voluto fortemente dal premier Renzi, l’obiettivo è quello di ridare lustro ad una istituzione, quella della scuola che in questi ultimi anni ha perso decisamente il ruolo centrale che aveva, complice una politica di tagli indiscriminati che ha riguardato la scuola in generale.
Tuttavia solo poco tempo fa, Renzi ribadiva l’importanza e la centralità della scuola nella crescita del paese stesso, affermando che là dove non c’è un piano per la scuola, non esiste neanche un futuro, solo con la preparazione adeguata dei giovani, domani è possibile sperare in futuro migliore e più prospero per tutto il paese.
Il piano previsto è veramente imponente e riguarderà un totale pari a 20.000 edifici, questi saranno interessati da un piano di ristrutturazione di valorizzazione, parliamo della costruzione di nuovi edifici scolastici e anche della messa in sicurezza di tutti quelli che fino a questo momento hanno manifestato problemi di vario genere.
Cerchiamo ora di capire a quanto ammonta il totale dei fondi messi a disposizione per questo imponente intervento, si parla di un totale di un miliardo di euro di risorse, una parte verranno dallo sblocco del patto di stabilità imposto ai comuni, per un totale che dovrebbe sfiorare i 244 milioni di euro.
Un’altra parte consistente arriverà dal fondo di sviluppo e coesione, si parla di un totale che dovrebbe arrivare a 500 milioni di euro, parliamo di 400 cantieri che dovrebbero nascere per mettere in atto le varie ristrutturazioni e l’edificazione di nuovi edifici.
Una bella notizia decisamente per la scuola, un’istituzione che ha attraversato un periodo molto difficile, tanti e tali erano stati i tagli, da rendere la situazione poco gestibile, edifici pericolanti e fatiscenti per molti studenti costituivano il terreno di prova di tutti i giorni.
La situazione sembra in fase di normalizzazione e si spera che l’intervento porti i risultati sperati.