Archivio dell'autore: admin

Smart school: la connessione migliore per i docenti

Oggi più che mai sentiamo parlare di smart school e didattica a distanza, concetti che nel mondo dell’educazione vanno di pari passo con la nuova rivoluzione digitale e tecnologica che stiamo vivendo. La smart school racchiude un nuovo modo per imparare e comunicare, che avviene con supporti tecnologici come pc, tablet, smartphone, ebook, utilizzati dai docenti e dagli studenti.

Un cambiamento radicale nelle abitudini della scuola italiana che ha necessariamente dovuto intraprendere questo percorso di digitalizzazione in tempi molto brevi, a causa della pandemia. Nonostante i tanti disagi iniziali e la mancanza della scuola in presenza questo è il futuro del mondo dell’istruzione fatto di un accesso più rapido alle informazioni, della condivisione dei contenuti e dell’interazione a distanza. 

Per fare lezione in smart school si possono utilizzare diversi strumenti, la didattica live e quella on demand. La prima prevede che gli studenti e i docenti si connettano alla stessa ora per svolgere la lezione mentre la didattica on demand permette di seguire le lezioni nell’arco di tempo che si preferisce. Si tratta di una formula più snella che richiede l’iscrizione al portale della scuola, tramite credenziali di accesso, per poter svolgere la lezione quando si desidera. Resta il supporto dei docenti che solitamente avviene attraverso delle chat o sui canali social.  

Le lezioni con la didattica a distanza si dividono in frontali o interattive. Nel primo caso il docente spiega la lezione e gli studenti la seguono ma senza poter interagire o intervenire. Con la lezione interattiva si attua la partecipazione degli studenti che diventano parte attiva, attraverso l’uso di specifici strumenti messi a disposizione dalle piattaforme online. 

Per poter fare smart school è necessaria una connessione internet veloce e stabile che assicuri prestazioni eccellenti. Per navigare online la connessione migliore oggi è quella wireless, diversa da quella cablata, in grado di offrire molti più vantaggi ed opportunità, per questo sempre più preferita da aziende e privati cittadini. L’argomento delle connessioni wireless a internet, con o senza cavo, è ripreso da chetariffa.it all’interno del suo blog. Si tratta di una lettura molto utile per approfondire la conoscenza di quale sia il tipo di connessione più adatto alle proprie esigenze. 

Gli strumenti migliori sono un computer o un tablet, molto meno performante lo smartphone. Questo dispositivo, pur permettendo di fare didattica a distanza, è sconsigliato perché di solito ha lo schermo troppo piccolo e l’attenzione dello studente ne risente molto. Numerose le applicazioni e le piattaforme per fare smart school come Google Classroom, Google Hangouts meet, Edmodo, Zoom, Classmill, Padlet. E ancora Schoology, Moodle, Eliademy, Redooc e Open Olat. 

Un futuro di nuove professioni lavorative

La bella notizia c’è, anche in un momento non propriamente roseo. Ma il futuro appare migliore del presente, almeno per quanto riguarda l’ambito lavorativo. Il mercato è in continua evoluzione e pare che anche a causa del Covid nel prossimo futuro, si parla soltanto di cinque anni, siano richieste nuove professionalità lavorative, ad oggi molte delle quali inesistenti. Si tratta di nuovi lavori, per i quali saranno necessarie nuove competenze e preparazioni specifiche. 

Le stime si riferiscono a numeri molto incoraggianti, sia a livello nazionale che internazionale, con la nascita complessiva di oltre 60 milioni di posti di lavoro. In pratica emergeranno nuovi percorsi lavorativi ed altri scompariranno completamente. Per questa trasformazione ormai imminente, destinata a rivoluzionale il mondo del lavoro, occorre acquisire nuove soft skill, per non rimanere indietro. Le nuove competenze si potranno acquisire a breve perché le aziende sono le prime ad essere interessate a questo processo di grande cambiamento. Saranno loro a fornire gli strumenti per riconvertire le competenze dei lavoratori visto che anche il lavoro all’interno delle aziende subirà nuove forme di organizzazione. 

Si delinea dunque fondamentale arrivare preparati e pronti a nuovi scenari lavorativi e questo vale sia per coloro che già sono impegnati nel mondo del lavoro sia per gli studenti. Saranno proprio le soft skill ad agevolare i soggetti più preparati e a far guadagnare loro importanti benefici, visto che i loro compensi potranno essere incrementati anche del 40%. Una nota dolente però c’è ed è quella del profondo divario digitale che tuttora esiste tra il reale mondo del lavoro e la preparazione scolastica, quella universitaria compresa. Il gap tecnologico rallenta la crescita economica del nostro Paese per cui bisognerà affrontare quanto prima questo enorme problema.  

Il futuro va sempre più verso l’automazione, in particolare nelle economie più avanzate dal punto di vista tecnologico e questo inciderà profondamente anche nella suddivisione del lavoro e nella resa aziendale. Le imprese saranno indirizzate non solo verso la creazione di nuovi posti di lavoro ma di nuove professioni, fino ad oggi inesistenti. I settori maggiormente interessati ad assumere saranno quelli della tecnologia, dell’intelligenza artificiale, del big data, dell’internet delle cose e del coding. Buone opportunità saranno offerte anche dalla logistica, dai trasporti e dalla trasformazione industriale, nello specifico dalla robotica.  

Le assunzioni richieste nel giro di pochissimo tempo saranno migliaia: riguarderanno in primis i colossi della tecnologia come Facebook o Amazon, quest’ultimo alla ricerca di personale anche nel settore della logistica e delle spedizioni. Ma per quanto riguarda l’Italia le posizioni aperte, che possono offrire un lavoro, saranno quelle disponibili nella sanità, nell’istruzione, nell’assistenza sociale, nei servizi di formazione. I posti di lavoro accessibili saranno anche quelli nei trasporti, nell’industria delle attrezzature e dei macchinari.  

Come lavorare da freelance

Lavorare come freelance, lavoratore autonomo o libero professionista è oggi una delle scelte lavorative più perseguite sia dalle aziende che dai diretti interessati. Esistono dei portali che si occupano proprio di far incontrare il mondo della domanda con quello dell’offerta, al fine di far entrare in contatto le due realtà in maniera veloce, dinamica e sicura. 

Spesso infatti le aziende sono alla ricerca di un professionista autonomo con il quale condividere un progetto, di breve o lunga durata. 

Oggi vogliamo parlarvi di Freelanceboard, il sito perfetto per chi è alla ricerca di candidati freelance, perché propone una ricca scelta di proposte di alto livello, sia qualitativo che quantitativo. 

Il portale consente all’azienda di valutare, in base alle proprie esigenze di business, il candidato ideale, in modo da farlo entrare nel team per ottimizzare i tempi di gestione di un progetto o per perfezionare il lavoro. 

Sarà direttamente l’azienda a contattare il candidato prescelto, e a decidere se si tratta del libero professionista qualificato e specializzato che cercava. 

All’interno del sito potrete trovare diverse categorie: web design, advertising, fotografia, ingegneria, marketing, copywriting e molte altre tipologie professionali. Un recruiter o un fornitore di progetti può trovare sicuramente ciò che sta cercando. 

Sono tutti i lavori del mondo digitale ad essere proposti sul sito, accessibile, intuitivo e molto semplice da utilizzare.

Con la funzione di ricerca, sono sufficienti pochi istanti per trovare i professionisti a disposizione in quel momento sul mercato. Basterà usare la parola chiave corretta che identifica il professionista che stai cercando. 

La ricerca può essere fatta in base alle qualifiche, come ad esempio digitando “Web Design” o “Freelance Traduttore” oppure per zona geografica, inserendo ad esempio “Freelance Torino”. 

La piattaforma è la soluzione migliore per mettere in contatto le persone che desiderano far parte di uno stesso progetto aziendale e insieme costruire un team di lavoro professionale. Ovviamente ciò consente di lavorare da remoto, da qualsiasi area italiana o dall’estero, e di ottimizzare i tempi, anche in base ai termini di consegna del lavoro.  

Per usufruire del servizio di Freelanceboard e godere di tutti i vantaggi e le opportunità presentate è necessaria la registrazione al sito. Un’azienda recruiter può trovare sul portale i freelance giusti per il proprio cliente. 

Chi è già iscritto al portale conosce gli innumerevoli vantaggi del contenitore professionale che la rappresenta la piattaforma. Per realizzare un progetto, occorrono capacità di lavorare in gruppo, empatia con il collaboratore, esperienza e competenze nel settore nonché alta qualità. 

Per tutte le tipologie di aziende che entrano in contatto diretto con un libero professionista l’inserimento dei progetti è sempre gratuito a tempo indeterminato. E’ possibile caricare il numero di progetti che si desiderano e dare spazio così ai candidati che vogliono candidarsi per quello specifico progetto. 

Sia che tu sia un freelance o un’azienda in cerca di collaboratori, Freelanceboard rappresenta un’ottima risorsa.

Come funziona il servizio compro oro?

Hai bisogno di soldi contanti e non sai da dove iniziare? Hai nel tuo cassetto, tantissimi bracciali e collanine di oro che non hai mai messo e che forse non indosserai mai? Desideri rinnovare i gioielli che possiedi per essere più alla moda?

Se almeno una risposta a queste domande risulta affermativa, allora abbiamo la soluzione giusta: il servizio di compro oro.

Cos’é il compro oro?

Il servizio di compro oro è un negozio che ritira l’oro ed in generale i metalli preziosi, fornendo in cambio pagamenti contanti oppure tramite bonifici della somma concordata.

Il prezzo di un articolo, è generalmente il risultato di diversi fattori: il peso, la qualità dei materiali, l’usura ed il numero dei carati effettivi, sono solo alcune fra le osservazioni che un buon tecnico compro oro controlla. In generale vengono utilizzate quotazioni relative all’acquisto dei metalli preziosi che siano in linea con il mercato nazionale ed internazionale del momento.

Come funziona il servizio compro oro?

Utilizzare questo importante servizio è semplice: basta cercare ciò che vogliamo dar via fra i cassetti dell’abitazione e, se ad esempio abitiamo a Roma, è possibile trovare compro oro in zona di Prati.

Solitamente, questi negozi hanno un campanello esterno da premere ed hanno il loro interno invisibile a coloro che passano casualmente dal marciapiede esterno, per cautelare la privacy dei propri clienti.

Dopo aver mostrato ciò di cui ci si vuole liberare, il commesso effettua un test della superficie dei gioielli, così da attestare anche al livello chimico il loro valore, solo successivamente pesa quanto indicato e propone la cifra da restituire al proprietario, in linea con le quotazioni di mercato.

Si può vendere oro in modo anonimo?

Vi sono dei limiti anche in questo senso: per quantità di oro o metallo prezioso ingenti, serve mostrare la personale documentazione relativa all’identificazione (carta di identità o patente e codice fiscale) così che tramite questi dati, si possano effettuare dei bonifici come forma di pagamento dei preziosi.

Perché liberarsi dell’oro?

Oltre ad essere un buon modo per poter attingere in modo attivo dai propri risparmi, liberarsi del vecchio oro è anche un metodo per far spazio in casa rispetto a ricordi anche molto lontani del tempo: quanti di noi hanno bracciali o collanine risalenti all’etá in cui avviene il Battesimo che effettivamente non possono indossare perché diventati adulti?

In quest’ottica diventa fondamentale usufruire di un servizio come quello del compro oro che trasforma l’oro in denaro.