Archivio della categoria: Lavoro

Green pass a scuola: genitori e delegati potrebbero accedere anche senza green pass

Tutto il personale scolastico e gli insegnanti devono essere muniti di green pass per poter accedere agli istituti scolastici. Con con il decreto n.122 del 10 settembre questo obbligo era stato esteso a chiunque entri nelle scuole, tranne ovviamente gli studenti. L’obbligo vale attualmente per le strutture dei servizi educativi per l’infanzia, per le scuole dell’infanzia, per le istituzioni scolastiche, per le istituzioni formative, per le istituzioni di alta formazione artistica, musicale e coreutica (AFAM) e per ogni altra istituzione di alta formazione collegata alle università. Questo significa che anche i genitori dei bambini e dei ragazzi devono essere muniti di green pass per poter accedere alla scuola. Non solo genitori, pensiamo anche ai nonni, agli zii, ad altri parenti che spesso sono soliti prelevare i bambini al posto dei genitori, così come alle baby sitter e alle tate. 

Green pass a scuola per tutti, è stato presentato un ordine del giorno 

Questa decisione è stata presa per cercare di evitare la diffusione del virus all’interno degli ambienti scolastici. Potrebbe però essere stata presa senza considerare ogni aspetto del problema. Ci sono persone che non possono vaccinarsi, ad esempio, magari per motivi di salute. Ci sono persone che ancora non hanno avuto modo di accedere alla campagna vaccinale per i più disparati motivi. Proprio per questo Vittoria Casa, Cinque Stelle, presidente della Commissione Cultura alla Camera ha presentato un ordine del giorno in cui si chiede di effettuare delle modifiche a questo intervento normativo. L’ordine del giorno è stato accolto. È quindi plausibile credere che delle modifiche verranno effettivamente realizzate. 

Green pass a scuola: quali le modifiche che potrebbero essere fatte 

Vittoria Casa non ha chiesto che l’obbligo del green pass per accedere agli istituti scolastici sia eliminato del tutto. Ha chiesto che l’obbligo sia eliminato per i genitori e per i loro delegati per l’accesso a scuola per un brevissimo lasso di tempo. Si parla quindi della necessità di accedere alle scuole per prelevare alunne e alunni. In questo modo si potrebbe semplificare la vita a tutti coloro che non possono vaccinarsi o che non hanno ancora avuto modo di farlo. Si offrirebbe inoltre la possibilità a tutti, alunni, genitori e famiglie di vivere la scuola in modo sereno. Attenzione, come detto si parla di poter accedere senza green pass alla scuola per un lasso di tempo molto breve. È quindi plausibile credere che se i colloqui con gli insegnanti saranno in presenza, questi siano possibili solo se muniti di green pass. lo stesso per le riunioni o altre evenienze che necessitino di una sosta più lunga all’interno della scuola. Maggiori informazioni saranno comunque disponibili a breve. 

Un futuro di nuove professioni lavorative

La bella notizia c’è, anche in un momento non propriamente roseo. Ma il futuro appare migliore del presente, almeno per quanto riguarda l’ambito lavorativo. Il mercato è in continua evoluzione e pare che anche a causa del Covid nel prossimo futuro, si parla soltanto di cinque anni, siano richieste nuove professionalità lavorative, ad oggi molte delle quali inesistenti. Si tratta di nuovi lavori, per i quali saranno necessarie nuove competenze e preparazioni specifiche. 

Le stime si riferiscono a numeri molto incoraggianti, sia a livello nazionale che internazionale, con la nascita complessiva di oltre 60 milioni di posti di lavoro. In pratica emergeranno nuovi percorsi lavorativi ed altri scompariranno completamente. Per questa trasformazione ormai imminente, destinata a rivoluzionale il mondo del lavoro, occorre acquisire nuove soft skill, per non rimanere indietro. Le nuove competenze si potranno acquisire a breve perché le aziende sono le prime ad essere interessate a questo processo di grande cambiamento. Saranno loro a fornire gli strumenti per riconvertire le competenze dei lavoratori visto che anche il lavoro all’interno delle aziende subirà nuove forme di organizzazione. 

Si delinea dunque fondamentale arrivare preparati e pronti a nuovi scenari lavorativi e questo vale sia per coloro che già sono impegnati nel mondo del lavoro sia per gli studenti. Saranno proprio le soft skill ad agevolare i soggetti più preparati e a far guadagnare loro importanti benefici, visto che i loro compensi potranno essere incrementati anche del 40%. Una nota dolente però c’è ed è quella del profondo divario digitale che tuttora esiste tra il reale mondo del lavoro e la preparazione scolastica, quella universitaria compresa. Il gap tecnologico rallenta la crescita economica del nostro Paese per cui bisognerà affrontare quanto prima questo enorme problema.  

Il futuro va sempre più verso l’automazione, in particolare nelle economie più avanzate dal punto di vista tecnologico e questo inciderà profondamente anche nella suddivisione del lavoro e nella resa aziendale. Le imprese saranno indirizzate non solo verso la creazione di nuovi posti di lavoro ma di nuove professioni, fino ad oggi inesistenti. I settori maggiormente interessati ad assumere saranno quelli della tecnologia, dell’intelligenza artificiale, del big data, dell’internet delle cose e del coding. Buone opportunità saranno offerte anche dalla logistica, dai trasporti e dalla trasformazione industriale, nello specifico dalla robotica.  

Le assunzioni richieste nel giro di pochissimo tempo saranno migliaia: riguarderanno in primis i colossi della tecnologia come Facebook o Amazon, quest’ultimo alla ricerca di personale anche nel settore della logistica e delle spedizioni. Ma per quanto riguarda l’Italia le posizioni aperte, che possono offrire un lavoro, saranno quelle disponibili nella sanità, nell’istruzione, nell’assistenza sociale, nei servizi di formazione. I posti di lavoro accessibili saranno anche quelli nei trasporti, nell’industria delle attrezzature e dei macchinari.  

Come lavorare da freelance

Lavorare come freelance, lavoratore autonomo o libero professionista è oggi una delle scelte lavorative più perseguite sia dalle aziende che dai diretti interessati. Esistono dei portali che si occupano proprio di far incontrare il mondo della domanda con quello dell’offerta, al fine di far entrare in contatto le due realtà in maniera veloce, dinamica e sicura. 

Spesso infatti le aziende sono alla ricerca di un professionista autonomo con il quale condividere un progetto, di breve o lunga durata. 

Oggi vogliamo parlarvi di Freelanceboard, il sito perfetto per chi è alla ricerca di candidati freelance, perché propone una ricca scelta di proposte di alto livello, sia qualitativo che quantitativo. 

Il portale consente all’azienda di valutare, in base alle proprie esigenze di business, il candidato ideale, in modo da farlo entrare nel team per ottimizzare i tempi di gestione di un progetto o per perfezionare il lavoro. 

Sarà direttamente l’azienda a contattare il candidato prescelto, e a decidere se si tratta del libero professionista qualificato e specializzato che cercava. 

All’interno del sito potrete trovare diverse categorie: web design, advertising, fotografia, ingegneria, marketing, copywriting e molte altre tipologie professionali. Un recruiter o un fornitore di progetti può trovare sicuramente ciò che sta cercando. 

Sono tutti i lavori del mondo digitale ad essere proposti sul sito, accessibile, intuitivo e molto semplice da utilizzare.

Con la funzione di ricerca, sono sufficienti pochi istanti per trovare i professionisti a disposizione in quel momento sul mercato. Basterà usare la parola chiave corretta che identifica il professionista che stai cercando. 

La ricerca può essere fatta in base alle qualifiche, come ad esempio digitando “Web Design” o “Freelance Traduttore” oppure per zona geografica, inserendo ad esempio “Freelance Torino”. 

La piattaforma è la soluzione migliore per mettere in contatto le persone che desiderano far parte di uno stesso progetto aziendale e insieme costruire un team di lavoro professionale. Ovviamente ciò consente di lavorare da remoto, da qualsiasi area italiana o dall’estero, e di ottimizzare i tempi, anche in base ai termini di consegna del lavoro.  

Per usufruire del servizio di Freelanceboard e godere di tutti i vantaggi e le opportunità presentate è necessaria la registrazione al sito. Un’azienda recruiter può trovare sul portale i freelance giusti per il proprio cliente. 

Chi è già iscritto al portale conosce gli innumerevoli vantaggi del contenitore professionale che la rappresenta la piattaforma. Per realizzare un progetto, occorrono capacità di lavorare in gruppo, empatia con il collaboratore, esperienza e competenze nel settore nonché alta qualità. 

Per tutte le tipologie di aziende che entrano in contatto diretto con un libero professionista l’inserimento dei progetti è sempre gratuito a tempo indeterminato. E’ possibile caricare il numero di progetti che si desiderano e dare spazio così ai candidati che vogliono candidarsi per quello specifico progetto. 

Sia che tu sia un freelance o un’azienda in cerca di collaboratori, Freelanceboard rappresenta un’ottima risorsa.